PARLIAMO DI COSE CONCRETE

Parma, 28 marzo 2018

 

Egr. Sig.

PRESIDENTE REGIONE EMILIA ROMAGNA

V.le Aldo Moro n. 52

BOLOGNA

Mail: segreteriapresidente@regione.emilia-romagna.it

 

Ill.mo Presidente della Regione Emilia Romagna,

l’Associazione Millecolori (della quale mi onoro di essere il portavoce) ha attentamente letto le Sue valutazioni sull’amministrazione comunale di Parma.

Poiché l’Associazione si è sempre occupata dei temi della città di Parma, intervenendo pubblicamente su varie questioni di possibile interesse cittadino, Le chiede pubblicamente se prima di formulare le Sue valutazioni Ella ha davvero valutato nel merito l’attività amministrativa dell’attuale Sindaco di Parma e, per essere concreti (con ciò limitandoci solo ad alcuni punti), a titolo esemplificativo, in ordine alle seguenti questioni:

  1. la protratta mancata vigilanza sulla società incaricata della riscossione delle entrate comunali (Parma Gestione Entrate);
  2. la protratta inerzia, a probabile beneficio di IREN, sulla questione “teleriscaldamento” dopo che sin dal febbraio 2015 l’Autorità di Vigilanza aveva “bacchettato” il Comune di Parma invitandolo ad assumere gli atti necessari;
  3. la cessione delle azioni di Fiere di Parma spa giustificata dalla volontà di utilizzare le somme incassate per il rilancio dell’Aeroporto di Parma allorquando era chiaro che le somme, per legge, non potevano essere utilizzate per sottoscrivere il capitale della società aeroportuale (capitale tutt’ora in attesa di sottoscrizione anche da parte di soggetti privati).

Si ritiene che non sarebbe stato sbagliato collegare la qs. Fiere di Parma (e Fiera di Bologna) a precisi accordi con l’Aeroporto di Bologna, pretendendo contestualmente un piano industriale serio e garantito;

  1. la protratta inerzia relativamente al Ponte Nord avendo però cura si spendere circa € 800.000,00 per realizzare le vetrate di quella cattedrale sul torrente Parma nonchè di spendere una (mai dichiarata) rilevante somma per la sorveglianza;
  2. la mancata assunzione (per quanto a conoscenza dell’Associazione) di iniziative nei confronti di ex amministratori delle società partecipate per emolumenti di dubbia attribuzione (tant’è che l’Assessore Capelli, poi dimessosi, aveva previsto apposita cautela);
  3. la protratta inerzia, in sede di ATO, al fine dell’indizione della nuova gara d’appalto per l’affidamento del servizio raccolta rifiuti e per il relativo smaltimento (l’attuale appalto è scaduto da molti anni e, si ritiene, che il protrarsi del vecchio e scaduto appalto determini rilevanti vantaggi ad IREN che, singolarmente, ha donato rilevanti somme – oltre € 700.000,00 – al Comune di Parma ed ha altresì sponsorizzato diverse iniziative comunali);
  4. la singolare variante urbanistica per consentire l’apertura di una grande struttura alimentare di fronte all’Euro Torri (in una zona territoriale ove già esistono molteplici esercizi della grande distribuzione), con ciò contribuendo ancor di più alla penalizzazione degli esercizi di vicinato;
  5. la carente azione volta a contrastare l’evasione fiscale (correttamente confessata da parte dell’Assessorato competente).

Le saremo grati se vorrà rispondere a tali concrete domande non già con frasi generiche ma, punto per punto.

Laddove non fosse sufficientemente informato l’Associazione è a disposizione per illustrarle il tutto con dovizia documentale.

Si confida in una sua seria e reale risposta quantomeno per rispetto degli aderenti alla scrivente Associazione Millecolori.

Ci si permette di far presente che si ritiene che il partito al quale Lei appartiene (e che diversi associati hanno votato anche alle scorse elezioni politiche) abbia necessità di “rigenerarsi” non già con non comprensibili alleanze o giochi di corridoio bensì tornando ad ascoltare le persone ed affrontando seriamente il loro vasto disagio.

Nel ringraziarLa per l’attenzione Le inviamo distinti saluti.

 

Associazione Millecolori

Massimo Rutigliano